Engagement su Instagram: calo costante nell’ultimo anno

Eccoci signori, sembra sia giunta la fine del momento d’oro.

Quando alcuni anni fa Facebook toccava il fondo con i contenuti organici, molti Social Media Manager hanno concentrato il loro interesse su altre piattaforme. Instagram divenne, quindi, la nuova terra promessa, un nuovo El Dorado in grado di offrire grandi risultati.

A quei tempi, scambiando quattro chiacchiere con i Community Manager tutti raccontavano più o meno le stesse cose: Instagram stava rispondendo positivamente agli stimoli, poiché si riusciva a ottenere una crescita rapida nel numero di follower senza grandi sforzi.

Ovviamente, come per qualsiasi novità, si è presentato il bisogno d’imparare nuovi codici di comunicazione e la necessità di studiare il nuovo contesto social. Anche se il momento era positivo con risultati che sembravano ottimali, i marketer sapevano che presto o tardi anche Instagram sarebbe cambiato: i contenuti organici non sarebbero più bastati e avrebbero ceduto il passo alle ads.

Pertanto, si potrebbe quasi dire che fin dal primo momento i marketer temevano l’arrivo del “zero day” su Instagram. Oggi, sembra che quel giorno sia arrivato.

L’ultimo studio di Socialinsider chiarisce che, da novembre 2018, c’è stato un calo dell’engagement medio dei brand mantenendo un declino costante nel tempo.

Come ricorda MarketingProfs, a novembre 2018, Instagram ha annunciato che avrebbe iniziato a rimuovere gli account fake dalla sua piattaforma. Questo però non spiega il vero perché della decrescita. La motivazione principale potrebbe risiedere nella crescita della piattaforma social.

Instagram negli ultimi anni è cresciuto in modo significativo e probabilmente è entrato nella sua fase di maturità, che di solito implica un rallentamento dei numeri per le aziende e un certo distacco da parte degli utenti.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Come sono cambiate le cose?

A novembre 2018 si registrava una media dell’engagement del 3% (tra commenti e like). Ora è del 2%. Gli account più popolari sono quelli colpiti maggiormente da questo rallentamento. Viceversa, profili con meno di 5.000 follower sono, secondo i dati dello studio, quelli che mostrano i dati più alti in termini di coinvolgimento.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi aggiornamenti su notizie sul digital marketing

Condividi Articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
“Un business deve essere coinvolgente, deve essere divertente e deve esercitare il tuo istinto creativo.”

- SIR RICHARD BRANSON

parlaci del tuo progetto

contatti

+39 081 0168723
Via F. Crispi 118, Napoli
info@ohbe.it